Vitamina D, un alleato contro il colesterolo alto

Vitamina D: c'è davvero un'associazione con i livelli lipidici del sangue?

Siamo proprio sicuri che per tenere a bada il colesterolo totale, il "cattivo" LDL e i trigliceridi del sangue, si debba seguire diete privative di ogni grasso saturo e ingurgitare cocktail di integratori e farmaci?

Forse si, forse no...

Un ampio studio trasversale dei risultati dei test di laboratorio confermano precedenti studi i quali mostrano un'associazione tra concentrazioni sieriche di Vitamina D e i livelli di lipidi.

I pazienti con deficit di vitamina D avevano livelli significativamente più elevati di colesterolo totale e di LDL, elevati livelli di trigliceridi, e bassi livelli di colesterolo HDL rispetto agli individui non carenti di vitamina D.

(clicca qui per leggere lo studio in dettaglio)

Quindi che fare?

Oltre a sicuramente riequilibrare lo stile di vita, l'attività fisica e la nostra alimentazione, è opportuno dosare i livelli di vitamina D del sangue e valutare, insieme al proprio medico, se esistono le condizioni di sufficienza o insufficienza di vitamina D.

In caso di insufficienza, insieme al medico di fiducia, si potrà integrare tale vitamina e, insieme al proprio nutrizionista, aggiustare la propria alimentazione in funzione di una maggiore assimilazione di vitamina D.

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento